mercoledì 17 ottobre 2012

Molise cultura?

Mozione dell'8 ottobre 2012 del consigliere regionale Michele Petraroia sulla cultura in Molise, il ruolo di Molise Cultura e l'apertura degli spazi dell'Ex-Gil: "Se uniremo in rete le energie e le potenzialità dei Comuni, delle Province, del Ministero dei Beni Culturali, delle Associazioni, dell’Università, delle Diocesi, dei Musei, degli Archivi Storici, delle Biblioteche Pubbliche e Private, dei Laboratori Artistici e degli esperti del settore, riusciremo a tutelare, valorizzare e rendere fruibile un patrimonio considerevole con ricadute sociali, occupazionali ed economiche in favore di giovani laureati, artisti, tecnici, guide, bibliotecari, storici, archivisti, pittori, registi, scultori, scenografi, catalogatori, rilegatori, allestitori di mostre, scrittori ed esperti informatici".


M O Z I O N E

IL CONSIGLIO REGIONALE DEL MOLISE 

Premesso che la legge n. 135 approvata il 7 agosto 2012 preclude la possibilità alle Province di continuare ad occuparsi delle materie culturali con connesso rischio che a decorrere dal 01.01.2013 resteranno inattive e prive di finanziamenti biblioteche, musei, teatri, archivi storici, mostre d’arte, premi letterari ed ogni altro intervento promosso dalle amministrazioni provinciali in ambito culturale;

Preso atto che tra le attività menzionate rientra la Fondazione Savoia che allestisce il cartellone per gli spettacoli del Teatro Savoia e la Biblioteca Provinciale di Campobasso “ Pasquale Albino “ che ha una ricca raccolta di testi, volumi e materiali d’archivio sulla storia del Molise, ed una specifica sessione dedicata all’emigrazione e ai Molisani nel Mondo;

Tenuto Presente che presumibilmente per il 1.11.2012 sarà reso disponibile e fruibile lo spazio risistemato dell’ex-GIL in Via Milano, destinandolo a sede della Fondazione “ Molise Cultura” e con possibilità di destinare aree permanenti a laboratori artistici, musei, mostre, eventi, esposizioni, seminari, convegni o ad altre iniziative finalizzate allo studio e alla valorizzazione del patrimonio culturale regionale;

Vista la legge regionale n. 10 del 26 aprile 2004 che prevede l’istituzione del Museo dell’Emigrazione  intitolato alla straordinaria figura del poeta – sindacalista Arturo Giovannitti di cui ricorre quest’anno, il centenario della sua condanna a morte, del processo e della sua assoluzione, negli Stati Uniti d’America;

Visto inoltre che nella stessa legge n.10/2004 si persegue la valorizzazione del patrimonio storico, della memoria, dei fatti e delle persone che hanno lasciato il Molise per raggiungere ogni angolo del Mondo in cerca di prosperità e di benessere;

Considerato che gli enormi e moderni spazi dell’ex-GIL andranno intitolati ad una figura di spicco della nostra regione e nello specifico potrebbe trattarsi di Vincenzo Cuoco, insigne studioso, intellettuale, giornalista e storico, che seppe distinguersi ed affermarsi sul piano nazionale con un’intensa attività scientifica e letteraria;

Acquisito che nei diversi piani e per le molteplici sale che sono state allestite presso l’ex-GIL di Via Milano, si potrebbero ricordare molisani illustri quali Iovine, Longano, Giovannitti, Andrea d’Isernia, Celestino V, Pepe, Serafini, Tedeschi, Gamba, Gaetano Scardocchia e altri;



I M P E G N A

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE CON DELEGA ALLA CULTURA , L’ASSESSORE CON DELEGA AI MOLISANI NEL MONDO E AGLI ENTI LOCALI, L’ASSESSORE AL BILANCIO PER GLI ASPETTI FINANZIARI E L’INTERA GIUNTA REGIONALE A :

1)      Proporre l’assorbimento della “Fondazione Savoia” della Provincia di Campobasso nella Fondazione “Molise Cultura” con specifica Intesa che valorizza e rilancia l’attività svolta garantendo un prosieguo lavorativo ai tecnici e manutentori impegnati presso il Teatro Savoia;
2)      Stipulare un Accordo con la Provincia di Campobasso teso a garantire la Biblioteca “ Pasquale ALBINO “ nella continuità di tutte le sue attività culturali,  potenziandone la missione e verificando anche forme di cooperazione e raccordo nella gestione degli spazi e degli archivi con l’ex-GIL;
3)      Accelerare la disponibilità e la piena entrata in funzione dei nuovi locali di Via Milano intitolandoli allo storico molisano Vincenzo CUOCO così che si superi una definizione del ventennio fascista inappropriata e lesiva dei principi costituzionali;
4)      Prevedere nella medesima sede del Palazzo della Cultura uno spazio adeguato per il Museo dei Molisani nel Mondo  “ Arturo Giovannitti “ ai sensi della legge n. 10 del 26.04.2012 stimolando il raccordo con i materiali raccolti e catalogati su queste materie dalle nostre associazioni in Italia e all’estero, dai comuni, dai patronati sindacali, dalle province, dalle parrocchie e da privati;
5)      Allestire presso l’ex-GIL spazi da dedicare a mostre, esposizioni, laboratori artistici, musei, biblioteche, mediateche, archivi storici, catalogazioni bibliografiche, seminari scientifici in raccordo con l’Università del Molise, le associazioni locali, le amministrazioni comunali, e con i musei e le biblioteche operanti in diversi centri della regione;
6)      Stipulare un Accordo Quadro col Ministero dei Beni Culturali per creare una rete virtuale unica del nostro patrimonio artistico, archeologico, museale, archivistico, letterario, religioso, bibliotecario e storico, con scambi e raccordi operativi tesi a investire in questo settore per creare nuovi e più moderni giacimenti d’impiego.

Campobasso, 8 ottobre 2012

                                                                                  Michele Petraroia


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...