pagine

giovedì 13 dicembre 2018

PERCEZIONI OLTRE LA FORMA Collettiva di arte contemporanea







Lo Spazio Arte Petrecca si prepara a festeggiare le vacanze di Natale con una proposta che scava nel passato e nel presente della città e della provincia di Isernia. “Percezioni oltre la Forma” è la collettiva d’arte contemporanea scelta per il mese di dicembre, fino all’epifania. Un insieme di artisti affermati e riconosciuti nell’ambiente artistico molisano:  Rino Capone, Aldo Delli Carpini, Cosmo Di Florio, Walter Giancola, Nazzareno Serricchio e Benvenuto Succi, sette personalità che con la loro arte, attraverso stili e tecniche diverse, a tratti opposti, dialogano in armonia tra di loro perché il percorso e la ricerca che li accomuna parte (quasi per tutti), o si consolida, dallo storico Istituto d’Arte Manuppella di Isernia.  


Lo Spazio Arte Petrecca è ben felice quindi di presentare la collettiva d’arte contemporanea Percezioni oltre la forma e invita a partecipare alla vernice di apertura prevista per il 15 dicembre alle ore 18.00 presso le sale dello Spazio Arte Petrecca, in corso Marcelli 180, Isernia.

L’esposizione sarà visitabile dal 15 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019, dal martedì alla domenica dalle ore 17.00 alle ore 20.00.

Il periodo espositivo sarà integrato e affiancato da altri eventi del panorama musicale.
                                                        

ARTISTI
RINO CAPONE | ALDO DELLI CARPINI | COSMO DI FLORIO | WALTER GIANCOLA | NAZZARENO SERRICCHIO | BENVENUTO SUCCI


BREVE BIOGRAFIA DEGLI ARTISTI

RINO CAPONE (Isernia 1946) ha frequentato il Liceo Classico, si è laureato in Filosofia presso l'Università degli studi di Napoli e ha conseguito le abilitazioni in Scienze Umane e Storia.  Attraverso gli studi universitari di Estetica si è avvicinato all’Arte come cultore della materia. Ha intrapreso il percorso di specializzazione post-laurea in Storia dell’Arte, poi interrotto dal servizio obbligatorio di leva. Dal 1976 si è dedicato alla ricerca pittorica con produzione di opere a olio e acrilico su tela. Ha partecipato a numerose mostre in Molise e fuori regione, ed è stato co-fondatore e presidente dell’Associazione Spazioforma (anni Ottanta-Novanta). Aggiunge la passione per la pittura ad una intensa attività di scrittore

ALDO DELLI CARPINI nasce a Sant'Agapito (Isernia) il 29/09/1942, si diploma presso I 'Istituto Statale D’ Arte G. Manuppella di Isernia e frequenta I 'Accademia di Belle Arti di Napoli dove allaccia conoscenze con artisti locali e fa le prime esperienze di collettive. Nel 1968, a Roma, realizza bozzetti per artisti che curano allestimenti di vetrine nelle strade più eleganti della capitale. Nel 1969 si trasferisce in Ciociaria dove insegnerà discipline artistiche fino al 2008. Qui incontra e frequenta i pittori che operano nel territorio e quelli che vi si sono trapiantati da altre regioni, arricchendo la propria formazione e, nello stesso tempo, conservando le caratteristiche della propria cultura d'origine. Delli Carpini espone i suoi lavori in mostre personali e collettive allestite in diverse città italiane; e, dal 1974, frequenta assiduamente la "Saletta Centro delle Arti" a Frosinone. Dal 1996, con un folto gruppo di artisti, aderisce al Centro Culturale Raffaello che organizza, sotto la direzione di Giorgio Copiz, numerose collettive nella provincia e mostre permanenti nella città. Attualmente risiede ed opera a Sant'Agapito (IS).

COSMO DI FLORIO è nato ad Isernia dove vive e lavora in contrada Selverine delle Monache. Allievo di Emilio Greco e Augusto Perez (docenti presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli), docente di educazione visiva e discipline plastiche presso l’istituto d’arte di Isernia, da anni conduce la ricerca nel campo delle arti visive, come docente e organizzatore di mostre didattiche e come operatore artistico. Ha partecipato a numerose mostre in Molise e fuori regione. Un ritorno alle forme primordiali caratterizza la produzione di Cosmo di Florio, una ricerca semantica basata su forme neutre che, di volta in volta, si ricollocano contestualmente nell'immaginario ideato dall'artista. Le ultime mostre realizzate nel 2018 sono state: Sensazioni Itineranti (Collettiva di Arte Contemporanea) presso Palazzo Massa a Guglionesi e Collettiva di Arte contemporanea presso la Tenuta di Santa Cristina a Venafro.

WALTER GIANCOLA nasce a Bellante (Te) nel 1949. La sua prima formazione avviene a Isernia e Napoli, prima dell’Istituto d’Arte, poi all’accademia di belli Arti dove impara la tecnica della scultura. Insegna arte Applicata all’Istituto d’Arte di cetrato (Cs) 1970 – 1996. All’inizio il tema prevalente è quello dell’oggettistica in metallo. Progressivamente, scopre la scultura in pietra. Continua la sua formazione professionale a Isernia, presso l’Istituto d’Arte 1996 – 2007. Walter Giancola è un’anima inquieta e la ricerca sull’oggettistica non basta più. Il 1990 è un anno di svolta per la sua creatività che riscopre le potenzialità della scultura in pietra sa lui definita “amica”.

NAZZARENO SERRICCHIO è nato a Isernia, dove risiede e opera. Ha insegnato arte della tarsia e della modellistica presso gli Istituti Statali d’Arte di Vasto e Isernia. Da anni si dedica alla ricerca nel campo delle arti visive. Ha partecipato a numerose rassegne di grafica, pittura e scultura.

BENVENUTO SUCCI è nato a Macchia d’Isernia, in contrada “Barone” il 7 agosto 1939 da famiglia di mezzadri. Ha frequentato la scuola elementare in località Fragnete (IS) e poi nel comune di Macchia d’Isernia. Interruppe il rapporto con la Scuola per diversi anni per poi riprenderlo e frequentare il Ginnasio di Isernia dove però non trovò l’ambiente a lui più congeniale. Da qui una seconda interruzione degli studi per alcuni anni. Successivamente si iscrisse alla scuola d’arte di Isernia dove, incoraggiato e apprezzato da un docente cominciò a frequentare la sezione ceramica fino al diploma di maestro d’arte. Seguì i corsi di scultura dell’Accademia di Belle arti di Napoli da Emilio Greco e Augusto Perez, dal quale ricevette segni di stima. Dopo il diploma accademico, a distanza di diversi anni, si iscrisse sempre a Napoli al corso di pittura, tenuto da Armando De Stefano, con il relativo corso di incisione, conseguendone i rispettivi diplomi. Da questo si dedica a tempo pieno alla scultura in pietra locale e alla pittura, focalizzandosi sul disegno di paesaggio e all’aperto. Sono di questo periodo gli esperimenti su quella che lui definisce “scultura flessibile”, suggeritagli dall’osservazione degli alberi soggetti alle correnti d’aria, Il suo è un lavoro solitario: raramente infatti partecipa alle esposizioni collettive.  Attualmente, non potendo più praticare la scultura in pietra, si dedica alla modellatura di alcune terre plastiche. Vive e lavora in provincia di Isernia alla contrada Fragnete. In lui si mantiene fervida la curiosità di investigare gli ambienti che incontra, oltre a quelli familiari.









Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...